Museo Civico Pinacoteca “Palazzo Lazzarini”

Edificio di epoca medievale legato al nome della famiglia Lazzarini, nobile casato di probabile origine aveva che fu tra i protagonisti della lotta fra guelfi e ghibellini nel XIII secolo, al pianterreno ospita la biblioteca comunale e la sede dell’Archeoclub di Morrovalle. Salendo lo scalone di pietra grigia di gusto neoromanico si accede agli ambienti della museo pinacoteca.


Nella prima sala si ammirano una serie di ritratti di uomini illustri dipinti ad olio su tela tra i quali spiccano Dante Alighieri, Francesco Petrarca, Torquato Tasso, Annibal Caro e Pico della Mirandola. La seconda sala è dedicata alla presenza in paese del Monte di Pietà, attivo almeno dalla seconda metà del ‘400. Nelle sale successive sono degne di nota una Madonna con bambino e santi Girolamo, Francesca Roman, Tommaso e Caterina, recentemente attribuita a Claudio Ridolfi e proveniente dall’ex chiesa di San Francesco. Di gran pregio la Madonna del Soccorso di Baldo de’ Serofini del XVI secolo eseguita nell’ambito della committenza dell’ordine agostiniano adottando un soggetto molto diffuso all’epoca nell’Italia centrale. Poco oltre un piccolo olio su rame del Seicento raffigurante la Visitazione a Elisabetta e riconducibile alla bottega degli Scoccianti di Matelica. Tra le più antiche opere esistenti è una cinquecentesca Madonna del cardellino dell’ambito di Francesco Francia con richiami alla pittura del Perugino e alla scuola emiliana. La sala si conclude con una Natività della Vergine su tela del XVII secolo. L’ultima sala ospita otto dipinti provenienti dall’ex convento francescano. Notevole è l’olio su tela con la Coronazione di spine realizzato intorno agli inizi del XVI secolo da autore ignoto, così come altri conservati nella sala: una Deposizione di Cristo nel Sepolcro, un Martirio di francescano, una Gloria di Santi e un Martirio dei beati francescani a Gorcum in Olanda che richiama le vicende delle sanguinose lotte tra cattolici e calvinisti consumatesi nei decenni successivi alla riforma protestante.
Tra gli altri soggetti degni di nota un San Liberato raffigurante il santo di Loro Piceno infermo e confortato dalla Madonna, tre Vergini e angeli, una Madonna con bambino e santo francescano attribuito a ginesino Domenico Malpiedi, e un settecentesco San Girolamo penitente attribuito al pittore fermano Natale Ricci.
L’ultimo piano della struttura ospita tre sale per esposizione temporanee, una sala convegni e la sala consiliare del Comune di Morrovalle.

E' possibile effettuare una visita virtuale della Pinacoteca accedendo al "Virtual tour" di Morrovalle

Informazioni

Nome della tabella
Indirizzo Piazza Vittorio Emanuele II
Proprietà Comunale
Telefono +39 0 733 223 437 (biblioteca)
Chiusura Dal Martedì al Venerdì è possibile visitare la Pinacoteca rivolgendosi al personale della Biblioteca con orario 16.00-19.00. Sabato e Domenica la Pinacoteca è aperta dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Per visite guidate, contattare l'Archeoclub ai numeri 0733 223437 oppure 338 9376511.
Note Con annessa biblioteca comunale

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questa è la sezione del sito istituzionale del Comune di Morrovalle dedicata al turismo. Per le informazioni che riguardano l'Ente, vai alla home
Questo sito è realizzato da TASK secondo i principali canoni dell'accessibilità | Credits | Privacy | Note legali