Oratorio del S.mo Sacramento

Risalente al 1544 la sua edificazione è legata all’istituzione della Confraternita del Corpo e Sangue di Cristo, divenuta del S.mo Sacramento col Concilio di Trento.

Ex Convento Francescano e Auditorium Borgo Marconi

Fuori dalla cinta muraria di Morrovalle, oltrepassando Porta Alvaro e scendendo dall’altura arriviamo all’antico Convento di S. Francesco, chiamato anche dei Minori Osservanti o Zoccolanti.

Il primo romitorio francescano era ubicato in contrada Fonte dell’Angelo. Il luogo umido e malsano costrinse i frati nel 1290 a trasferirsi su un’altura, dove erano già esistenti una piccola chiesa ed un ospizio appartenuti ai monaci benedettini di San Firmano di Montelupone.

Villa Pace Leopardi Patrizi

E’ appartenuta alla famiglia dei conti Grisei. La villa è a impianto rettangolare. In origine era casino di caccia. Si staglia sulla parte centrale del parco. Intorno, costruzioni di minore interesse architettonico: è sia una piccola Chiesa che una depandance.

Ex Casa Romagnoli

Questa struttura testimonia la presenza nella zona di maestranze dalmate che lavoravano per committenti veneti. Nell’archivio storico, difatti, esistevano carteggi (ora trafugati) con sigilli in pasta e lacci in seta che testimoniavano il rapporto con la Serenissima.

Palazzo del Comune e Torre Civica

Sorge di fronte al “Palazzotto del Podestà”. Lo spazio su cui fu costruito questo edificio fu acquistato dalla comunità morrovallese nel XIV secolo. Vi si trovava una casa di terra di piccole dimensioni che doveva servire da Cancelleria, ossia da Segreteria del municipio.

Convento dei Padri Passionisti

Le origini del convento, posto in contrada Giannino, risalgono all’anno 1656. In quell’anno Alessandro Collaterali di Morrovalle fece dipingere, in grandi dimensioni, un’effigie della Beata Vergine della Quercia, identica a quella più famosa di Viterbo, facendola collocare nel tronco di una quercia.

Palazzo Roberti

Dimoro della Marchesa Vincenza Roberti, ha la facciata di prospetto in mattone a formelle bugnate. Vincenza Roberti ospitò in questo antico Palazzo il poeta romano Giuseppe Gioacchino Belli, creatore di versi immortali.

Chiesa di San Bartolomeo Apostolo

La Chiesa è al centro di un insieme di costruzioni che offrono l’immagine di un angolo ricco di armonie architettoniche create dalla fantasia e dal cuore dell’uomo. Elegante e snello, l’alto campanile è ricco di lesene, cornici e di capitelli in stile ionico.

Porta delle Fonti o di San Bernardino

Era ed è la seconda porta storica che immette al centro urbano. È inserita in un insieme scenografico stupendo, le scale mattonate, i muretti-balaustra e le case abbarbicate sulla collina tappezzata dal verde dell’erba.

Porta Alvaro

E’ l’ingresso principale del centro storico. Il monumento architettonico risale al secolo XIV. Di esso si parla negli Statuti del 1570.

Convento dei Frati Cappuccini

La costruzione del convento è avvenuta dopo la liberazione consigliare del 16 aprile del 1560. E’ stato possibile costruirlo grazie alla munificenza di Nicolò Collaterali, di nobile famiglia, che volle donare la costruzione ai frati.

Palazzetto del Podestà

Il Palazzo del Podestà, a pianta rettangolare, si eleva su tre piani e chiude il lato sud della Piazza V. Emanuele II.

Risalente al XIV secolo, è stato più volte rimaneggiato: nel 1496 a causa di un incendio e nel 1854 quando il livello della piazza è stato abbassato e l’edificio è stato adibito a caserma pontificia.

Chiesa di Sant’Agostino

Eretta nel XVII secolo è unita all’ex Convento degli Agostiniani che si insediarono a Morrovalle nel 1308.

Le Antiche Fonti

Queste sono denominate Fonte Maxima ed accorpano la Fonte Filello, la Fonte Sabblone, il lavatoio, le vasche e il camminamento che penetra nella collina.

Angolo Paglialunga

È un angolo caratteristico vicino alla chiesa di S. Bartolomeo. Ha preso questo nome dall’ ultimo proprietario Ettore Paglialunga, artigiano del ferro battuto.

Santuario della Madonna dell’Acqua Santa

Era alle origini un tempietto di piccole dimensioni dedicato alla Madonna della neve per una nevicata avvenuta il 5 agosto di un imprecisato anno. Nel Santuario sono le spoglie mortali di Pier Francesco Grisei.

Palazzo Vicoli Nada

Quest’antico edificio è stato il convento dei Padri Agostiniani. Una pietra murata nel manufatto porta la data del 1630.

torna all'inizio del contenuto
Questa è la sezione del sito istituzionale del Comune di Morrovalle dedicata al turismo. Per le informazioni che riguardano l'Ente, vai alla home
Questo sito è realizzato da TASK secondo i principali canoni dell'accessibilità | Credits | Privacy | Note legali